fbpx

Memoria – Parole alla Lente

Avatar

Il 27 gennaio è il giorno scelto dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite per commemorare le vittime dell’Olocausto. Nel 1945, in questa data, fu liberato il campo di concentramento di Aushwitz: il luogo in cui gli esseri umani hanno perso la loro umanità.

Oggi, e con l’augurio di impegnarci ogni giorno, dedichiamo la nostra rubrica alla parola “memoria”. I motivi sono molteplici e vanno ben oltre la necessità di “stare sul pezzo” e di cogliere la ricorrenza.

Innanzitutto ne abbiamo bisogno. Abbiamo bisogno di memoria. Abbiamo una estrema necessità di tornare a impegnarci nella pratica della memoria, non solo per ricordare il passato, ma anche e soprattutto per guardare e analizzare con maggiore consapevolezza il nostro presente.

Nel 2019 e cioè a 80 dall’emanazione delle leggi razziali, assistiamo – spesso inermi e dimentichi – ad un assurdo e pericoloso risveglio dell’odio antisemita e della violenza razzista.

Il senso della memoria, allora, è proprio qui: nel ricordare a noi stessi cosa è accaduto e cosa dunque può ancora accadere.

Non è un caso che sia proprio Primo Levi, scrittore e chimico di origini ebraiche sopravvissuto alla deportazione ad Auschwitz, a spiegarci lucidamente questa necessità.

Il celebre verso «Meditate che questo è stato» esprime tutta l’impossibilità di rassegnarsi al fatto che i lager della morte siano esistiti, che siano cioè entrati nel mondo reale delle cose, delle cose che esistono e che dunque sono possibili. Ancora possibili.

*in cover Albert Laurence on Unsplash
Avatar
Angela Michela Lomoro

Giornalista professionista. Per SinapsiMag curo la rubrica "Parole alla Lente", perché amo le parole e cerco di sceglierle con cura, per lavoro e per passione. Mi occupo di comunicazione in progetti di promozione culturale e innovazione sociale. Seguo con interesse la presenza delle parole sul web, con uno sguardo particolare al rapporto tra minori e digitale. Nel tempo libero mi dedico alla lettura e alla scrittura di racconti, alcuni pubblicati sul mio blog: nomicosecittablog.com.

  • 1

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *