fbpx

Anniversario – Parole alla Lente

Ogni anno, in un dato giorno, ricordiamo qualcosa: una nascita, un matrimonio, una perdita, una ricorrenza storica. Occasioni felici o momenti spiacevoli che tornano a rivivere in uno specifico lasso di tempo che ha nome anniversario.

Dal latino anniversarius, composto di “annus” (anno) e “vertere” (volgere), l’anniversario è quel momento dell’anno in cui ripensiamo a qualcosa che può riguardare la nostra vita personale o quella di una collettività. Alcuni anniversari sono, poi, universali perché coinvolgono l’intera umanità. Succede nel caso delle guerre o di particolari catastrofi ambientali, ma anche in occasione di episodi che riguardano la vita di personalità pubbliche e note.

Sebbene sia lontano dal momento in cui è accaduto un dato fatto, l’anniversario permette di riportare in vita le emozioni e le sensazioni vissute.

Giacomo Leopardi spiega meglio questo fenomeno. «Bella ed amabile illusione è quella per la quale i dì anniversari di un avvenimento, che per verità non ha a fare con essi più che con qualunque altro dì dell’anno, paiono avere con quello un’attinenza particolare, e che quasi un’ombra del passato risorga e ritorni sempre in quei giorni, […]parendo che quelle ricorrenze facciano che ciò che è passato, e che più non torna, non sia spento né perduto del tutto».

Proprio al poeta italiano è legato un particolare anniversario: l’Infinito, la poesia capolavoro della produzione leopardiana, compie 200 anni; fu composta, infatti, nel 1819.

Nel 2019 ricorre un altro anniversario speciale. L’11 gennaio del 1999 moriva Fabrizio De Andrè, indimenticato poeta degli ultimi. In tutta Italia sono state organizzate iniziative e manifestazioni per rendere omaggio al cantautore genovese, a vent’anni dalla sua scomparsa. Fabrizio, «ricordi, sbocciavan le viole, con le nostre parole: “Non ci lasceremo mai, mai e poi mai”».

Angela Michela Lomoro

Giornalista professionista. Per SinapsiMag curo la rubrica "Parole alla Lente", perché amo le parole e cerco di sceglierle con cura, per lavoro e per passione. Mi occupo di comunicazione in progetti di promozione culturale e innovazione sociale. Seguo con interesse la presenza delle parole sul web, con uno sguardo particolare al rapporto tra minori e digitale. Nel tempo libero mi dedico alla lettura e alla scrittura di racconti, alcuni pubblicati sul mio blog: nomicosecittablog.com.

  • 1

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *